La Rinascita della Villa Reale di Monza

Possiamo finalmente gridarlo a gran voce:

‘La Villa Reale di Monza è rinata’

Dopo due lunghi anni di  restauro e di chiusura al grande pubblico, la Villa Reale riapre pronta per attirare folle di turisti e di curiosi che vogliono scoprire la sua maestosità. Per noi, vedere questo grande cambiamento è stato davvero emozionante. Avere questo patrimonio vicino casa e vederlo finalmente così, ci riempie il cuore di grande gioia. La curiosità di scoprire come è stata trasformata ci ha accompagnato dall’inizio alla fine della visita. E lo stupore è iniziato già dall’esterno, con le facciate completamente messe a nuovo e ripulite.

Varcando il cancello, ci si trova  davanti una piccola fontana e un prato molto curato, successivamente al piano terra, vicino alla biglietteria, si può scorgere l’elegantissimo bar/ristorante in perfetta armonia con lo spazio circostante, e attraversandolo si arriva direttamente ai meravigliosi giardini. Uno spazio completamente nuovo e in grado di soddisfare le esigenze dei visitatori.

Vi ricordiamo che la Villa venne fatta costruire nel lontano 1777 da Maria Teresa d’Austria come residenza estiva per suo figlio ‘Ferdinando d’Asburgo’. La collocazione non fu casuale ma strategica, in quanto si situava lungo la strada che collegava Milano a Vienna.

Salendo la scalinata esterna, inizia il percorso di visita con il così detto ‘Primo piano nobile’ ove sono situati gli appartamenti di rappresentanza: come la sala da ballo, la sala degli arazzi, la sala del trono, la sala da pranzo..

La Sala da Ballo lascia senza fiato, con le sue decorazioni e i ricchi lampadari in bronzo. Proprio qui, inizia la mostra espositiva delle fotografie di Piero Pozzi ‘Memoria e Splendore’ che mettono in luce il percorso di restauro iniziato nel 1993 e finito il mese scorso. Infatti, dopo un lungo periodo di degrado e abbandono, iniziato con la morte del Re d’Italia Umberto I (dal 1900 agli anni ’90, la villa è stata spoliata di tutti i suoi arredi e occupata durante le guerre), la Villa ha subito un primo restauro negli anni Novanta, concentrato esclusivamente sul primo piano. Il recente restauro, invece, ha avuto come oggetto il corpo centrale della Villa Reale: il piano terra, parte del primo piano, il secondo piano e, soprattutto, il Belvedere. Le fotografie di Piero Pozzi permettono di affrontare un viaggio nel tempo e di capire l’evoluzione dei restauri..

Proseguendo, attraverso lo scalone d’onore, si sale al ‘Secondo piano nobile’, ove si trovano gli appartamenti privati degli ospiti, come quello dell’Imperatore di Germania, quello della Duchessa di Genova o del Principe di Napoli.

L’ultimo piano è denominato ‘Belvedere’: qui si trova il Salone che regala una vista stupenda sui Giardini della Villa. Questo piano è stato completamente rifatto, in seguito allo stato di degrado molto avanzato in cui si trovava.

Questi tre piani descritti fanno parte di un complesso più grande che comprende anche il Serrone, luogo da noi amato in quanto sede di meravigliose mostre temporanee (a breve ci sarà una mostra sull’artista italiano ‘Giorgio de Chirico’, mentre QUI e QUI potrete vedere le mostre passate allestite in questo spazio), il Roseto di Niso Fumagalli, il Teatrino, la Cappella del Piermarini, la Rotonda dell’Appiani e i meravigliosi giardini di 40 ettari ricchi di alberi ultrasecolari.

Questo slideshow richiede JavaScript.

E’ meraviglioso vedere come un luogo possa rinascere e possa tornare alla sua bellezza originaria, con un progetto di gestione che si fonda sul rispetto del bene culturale e dove l’idea di restauro è basata sul rispetto del passato.

Noi consigliamo vivamente la visita della Villa Reale, sia a chi non l’ha mai vista sia a coloro che hanno già avuto modo negli scorsi anni di vederla; col tempo si spera che le cose possano migliorare sempre di più e che non venga abbandonata negli anni. Ma, soprattutto, la nostra grande speranza è che si riescano a recupero gli arredi, grave mancanza nel percorso di visita.

EVENTI:

In questi giorni e in quelli a seguire, alle visite si accompagna un ricco calendario di eventi, (Informazioni prese dal sito ufficiale).

8-28 settembre
Mostra fotografica “Memoria e Splendore: una storia per immagini”. La Villa Reale di Monza nelle fotografie di Piero Pozzi.

Sabato 13 settembre
Ore 11-13 e 16-18: “Le Relazioni Pericolose In Villa Reale” da C.De Laclos, performance teatrale a cura della compagnia La Danza Immobile, Teatro Binario 7 di Monza.
Ore 18-19: Performance Jazz con Felice Clemente e Javier Perez Forte, in collaborazione con Blue Note Milano

Domenica 14 settembre
Ore 10-19: Gruppo di rievocazione storica “Le Feste Galanti”, con comparse in maschera.
Ore 11-13 e 16-18: “Le Relazioni Pericolose In Villa Reale” da C.De Laclos, performance teatrale a cura della compagnia La Danza Immobile, Teatro Binario 7 di Monza.
Ore 16-17: Esibizione dell’Ensemble d’ottoni dell’Accademia Teatro alla Scala.
Ore 18-19: Esibizione dei Solisti di canto dell’Accademia Teatro alla Scala con celebri arie d’opera del repertorio Italiano.

PREZZI e ORARI DALL’8 AL 18 SETTEMBRE:

INGRESSO GRATUITO

Lunedì-Sabato dalle 10 alle 21 (ultimo ingresso alle 20) _ NB:

Domenica dalle 10 alle 19 (ultimo ingresso alle 18)

PREZZI e ORARI DAL 18 SETTEMBRE:

Martedì – Venerdì, ore 10-18

Sabato, Domenica e festivi, ore 10-19

Lunedì Chiuso

Biglietto Intero: 12euro

Biglietto Ridotto: 10 euro

Ridotto Speciale: 4 euro (scolaresche e under 18)

Sito Internet Ufficiale

COME RAGGIUNGERLA:

23 risposte a "La Rinascita della Villa Reale di Monza"

Add yours

  1. Sono stata all’interno della villa questa primavera, incappando a sorpresa in una visita guidata che si poteva fare in abbianata alla mostra di Amore e Psiche allestita al Serrone..
    Siamo stati fortunatissimi perchè eravamo solo io, il mio fidanzato e la guida, e sono rimasta davvero affascinata..
    Oltre alla straordinaria Sala da ballo (che era ancora in fase di restauro, ma siamo riusciti a dare una sbirciata veloce) sono rimasta a bocca aperta per la biblioteca..davvero fantastica!

    Ci tornerò sicuramente per vedere le ultime parti restaurate!

    Mi piace

    1. ..ciao micoluzza! Guarda purtroppo in questo ingresso gratuito..gli appartamenti reali, la cappella, il teatrino e la biblioteca non sono compresi.. ma, anche noi, quando li avevamo visti due anni fa eravamo rimaste davvero colpite per la bellezza… speriamo che vengano presto incluse nel biglietto 😉

      Mi piace

      1. Ebbene ci sono già riuscita! Sono andata in pausa pranzo, non c’era coda :))) molto bello! Concordo con voi: peccato non ci siano gli arredamenti…😔
        Peró per chi l’ha sempre vista da fuori senza mai poter entrare è stata davvero un’emozione!

        Mi piace

Condividi con noi quello che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: