I 4 musei più famosi di Firenze: come organizzare la visita?

La maggior parte delle persone che programmano un viaggio a Firenze, includeranno sicuramente nel loro itinerario quattro tappe: la Galleria degli Uffizi, la Galleria dell’Accademia, Palazzo Vecchio e Palazzo Pitti. Ecco perchè fuori dagli ingressi ci sono sempre lunghe code e le sale sono affollatissime.

DSC_4402
Coda chilometrica per entrare agli Uffizi

Come organizzare quindi le vostre visite senza dover perdere tempo in attese e spintonare altre centinaia di visitatori per guadagnarsi un posto prima fila (e quindi una visuale migliore)?

Regola n.1: scegliere l’orario giusto
Acquistare la Firenze Card: avrete accesso prioritario in OGNI museo della città, tutti i giorni e a tutte le ore. Se però, facendo i conti, questa soluzione vi sembra poco conveniente (72 euro per 72 musei in 72 ore) allora vi conviene prenotare in anticipo ogni ingresso. Il viaggio è stato organizzato all’ultimo minuto e non ci sono più posti disponibili? Nessun problema! Presentatevi alla Galleria degli Uffizi 10/15 minuti prima dell’apertura (alle 8.15)…

IMG_4200
Galleria degli Uffizi

…a Palazzo Vecchio intorno alle 11.00 mentre per la salita alla Torre dell’Arnolfo è meglio aspettare l’ora di pranzo.

La Galleria dell’Accademia visitatela a metà pomeriggio; Palazzo Pitti invece a due ore dalla chiusura.

DSC_4429
Palazzo Pitti: pochissima coda a sole due ore dalla chiusura!

Regola n.2: selezionare cosa vedere
Il numero di opere d’arte conservate in questi musei è praticamente incalcolabile e visitare accuratamente tutte le collezioni esposte è impossibile a meno che non vogliate dedicare un’intera giornata ad ogni museo. Ecco perchè vi consiglio di dedicare un po’ di tempo prima della partenza per segnare in agenda le opere che non volete assolutamente perdervi. Così, una volta entrati, potrete dirigervi subito nelle sale selezionate e poi – a seconda del tempo a disposizione – visitare anche tutto il resto. Ovviamente armatevi di santa pazienza se nella vostra lista rientrano esclusivamente La Nascita di Venere, La Primavera, il David & Co.

Vi assicuro però che spesso, nelle sale meno affollate, sono esposti capolavori meno conosciuti ma ugualmente meravigliosi.

IMG_4078
Tutti accalcati nella sala del Trono e nei giardini di Boboli, mentre in questa sala di Palazzo Pitti regnava la pace e il silenzio….insieme a ben 4 quadri di Raffaello!

Regola n.3: rispettare gli altri e i luoghi che visitate
Sembra banale, ma non lo è. Non stazionate per ore davanti alla vostra opera d’arte preferita: dietro di voi ci sono centinaia di persone anch’esse in attesa. Non attardatevi quando visitate luoghi a “ingresso limitato”: sulla Torre dell’Arnolfo ad esempio, una volta scattate le foto e goduto della vista, scendete e lasciate il posto a chi è in coda. Non bloccate il passaggio con l’intento di fare un servizio fotografico ai luoghi che state visitando e ai vostri compagni di viaggio: molte persone gentilmente si fermano per non rovinarvi lo scatto, ma non possono aspettare all’infinito. Togliete quel benedetto flash! Non avete idea di quanto quella luce che dura un millesimo di secondo, se ripetuta da tutti i visitatori presenti, possa rovinare l’opera di fronte a voi.

Una risposta a "I 4 musei più famosi di Firenze: come organizzare la visita?"

Add yours

Condividi con noi quello che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: