La Memoria di James Nachtwey a Palazzo Reale

Era da tanto che non mi commuovevo durante la visita ad una mostra, ma con James Nachtwey è successo.

IMG_2612

Il fotografo americano, considerato l’erede di Robert Capa, ha dedicato la sua vita a raccontare la condizione umana all’inferno, ovvero prima, durante e dopo la guerra.

Ho voluto diventare un fotografo per essere un
fotografo di guerra. Ma ero guidato dalla convinzione
che una fotografia che riveli il volto vero della guerra
sia quasi per definizione una fotografia contro la
guerra.

James Nachtwey

Questo slideshow richiede JavaScript.

I suoi scatti in bianco e nero, esposti a Palazzo Reale con la mostra Memoria, hanno una potenza indescrivibile: non c’è posto per la speranza, ma solo per il dolore, l’ingiustizia, la violenza e la morte. Ritrae l’odio in tutte le sue forme più terribili: vorresti distogliere lo sguardo ma non ci riesci. James Nachtwey cattura il tuo sguardo e ti invita a non ignorare ciò che accade nel mondo: lui è testimone e, dopo aver visto i suoi scatti, lo siamo anche noi.

Cisgiordania, Guatemala, Balcani, Cecenia, Darfur, Romania, Ruanda, Sudafrica, New York, Afghanistan, Iraq, Indonesia e ancora la fame, i distastri naturali, l’inquinamento in Est Europa , l’eroina, l’agente arancio, l’AIDS e l’immigrazione. L’ultima grande guerra non si è conclusa nel 1945, ma è ancora in atto e sta portando alla distruzione del mondo come lo conosciamo.

IMG_2630

Non si può morire di fame, non si può uccidere una persona perchè di un’altra religione, non si può picchiare a sangue una persona solo perchè nera, non si può rinchiudere in orfanotrofi-prigioni i bambini nati con problemi mentali o fisici, non si può abbandonare la propria casa e attraversare il mare per poter sopravvivere. Eppure tutto questo accade, proprio sotto i nostri occhi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Visi inondati da lacrime, occhi spaventati, sguardi amorevoli. Corpi in preda alla sofferenza oppure immobili nella morte. A testimoniare la loro vita ci sono solo i fotografi come Nachtwey e i medici volontari, ai quali è dedicato anche un  collage di 60 immagini che li ritraggono mentre si prendono cura di vittime e carnefici.

IMG_2637

Memoria è una mostra brutale e, proprio per questo, splendida e imperdibile. Non è necessaria l’audioguida o il flyer con le didascalie perchè tutto ciò che c’è da sapere è raccontato dai soggetti dell’incredibile James Nachtwey.

FINO AL 4 MARZO 2018

SITO UFFICIALE

ORARIO
Lunedì dalle 14.30 alle 19.30
Martedì, mercoledì, venerdì e domenica dalle 9.30 alle 19.30
Giovedì e sabato dalle 9.30 alle 22.30
Verificare sul sito gli orari di apertura nei giorni festivi

INGRESSO comprensivo di audioguida
Intero: 12 euro
RIDOTTO A: 10 euro (gruppi, over 65, dai 6 ai 26 anni, disabili, possessori Card Annuale Civici Musei Milanesi, soct TCI, aderenti Lunedì Musei, militari, forse dell’ordine non in servizio, insegnanti, titolari Giunti Card e Amici di Forma)
RIDOTTO B: 8 euro (possessori Abbonamento Card Musei Lombardia)
RIDOTTO C: 6 euro (gruppi di studenti e scolaresche, gruppi organizzati TCI o FAI, volontari servizio civile nazionale, giornalisti, dipendenti comunali…)

COME RAGGIUNGERLA: Palazzo Reale, Piazza del Duomo 12 – Milano

 

5 risposte a "La Memoria di James Nachtwey a Palazzo Reale"

Add yours

Condividi con noi quello che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: