#CultureForDigital – Museo Egizio di Torino

Sono anni che non torno al Museo Egizio di Torino, che ha lasciato uno splendido ricordo nella mia memoria di bambina: avrei voluto tornare durante l’ultima visita a Torino ma, come sempre, c’era una coda chilometrica di visitatori (sarò strana, ma amo vedere le code fuori dai musei! La prossima volta, prenoterò sicuramente). Il Museo Egizio è il più antico museo al mondo interamente dedicato alle civiltà sorte lungo le rive del Nilo, il più importante (dopo quello del Cairo) per la qualità e il valore dei reperti, e uno dei più apprezzati al mondo. Come sta affrontando questo periodo di chiusura forzata?

QUALI SONO LE INIZIATIVE DIGITAL INTRAPRESE DAL MUSEO IN QUESTO PERIODO DI CHIUSURA FORZATA?
In questo momento di emergenza abbiamo sviluppato diverse iniziative, sempre però coerenti con la nostra strategia digitale, creando dunque una certa continuità, ma consapevoli dei nuovi bisogni del pubblico in questo periodo e di come la cultura possa essere un rifugio, una via per spiegare e vivere questo periodo difficile, imparando dal passato, oltre che un’occasione di evasione. In questo contesto abbiamo deciso di lanciare un nuovo hashtag: #laCulturaCura.

Intrattenimento e formazione sono sempre stati al centro del nostro lavoro online per questo si è cercato di comunicare quali fossero i contenuti già disponibili online, dal virtual tour della mostra Archeologia Invisibile, alla Rivista scientifica del Museo, da un’app dedicata alle pietre usate nell’antico Egitto al sito dedicato alla collezione dei papiri. Inoltre si è cercato di potenziare i contenuti sul nostro canale YouTube aggiungendo nuovi video alle nostre playlist: le ISTANTANEE DALLA COLLEZIONE in cui i curatori raccontano un oggetto della collezione, LA STELEVISIONE con i contenuti per i più piccoli, ARCHEOLOGIA INVISIBILE, la playlist dedicata agli approfondimenti sulla mostra temporanea.
Tuttavia, il contenuto “figlio” di questa quarantena sono LE PASSEGGIATE DEL DIRETTORE, una “trasposizione” virtuale di un’esperienza di visita offerta da Christian Greco dal 2015 una volta al mese per un gruppo ristretto di visitatori, che ora è accessibile a tutti. Ogni giovedì e sabato una nuova puntata sul nostro canale YouTube e su Facebook per scoprire la collezione e la storia del Museo.

Tutto ciò va ad aggiungersi ai contenuti dedicati alle curiosità sulla collezione, ai quiz e ai giochi per cercare di coinvolgere ancora di più il nostro pubblico.

COME HA RISPOSTO IL PUBBLICO?
Il riscontro del pubblico è incredibile. Su YouTube siamo passati in un solo mese (da febbraio a marzo) da 1110 iscritti a 5240! E da 163.407 a 194.959 visualizzazioni. Riceviamo quotidianamente messaggi in privato di utenti che ci chiedono più contenuti: lezioni di geroglifico, altri contenuti per bambini delle diverse fasce di età, e più Passeggiate del Direttore! Le visite virtuali del Direttore, che pubblichiamo due volte a settimana in forma di episodio da meno di 10 minuti l’uno stanno avendo un enorme successo. La prima puntata ha generato 2362 reazioni (like), 209 commenti e 1219 condivisioni.

QUALI CANALI STATE UTILIZZANDO E DOVE STATE RICEVETE MAGGIORE RISCONTRO?
Stiamo utilizzando principalmente i profili del Museo Egizio sui social media più comuni: Facebook, YouTube, Instagram, Twitter e LinkedIN. Diversifichiamo i contenuti a seconda del canale, per poter offrire ai diversi pubblici proposte più appropriate.

Ad esempio, su Facebook prediligiamo contenuti la pubblicazione di video e post rivolti alle famiglie con bambini, come i video di tutorial “L’antico egitto fai da te” che ha riscosso molto successo. I genitori ci hanno mandato gli scarabei del cuore realizzati dai loro bambini seguendo le istruzioni del video. Il riscontro maggiore lo registriamo su Instagram e su Facebook, dove i nostri utenti sono più attivi e hanno voglia di condividere con noi le loro opinioni e le loro domande, ma soprattutto il loro affetto per il Museo Egizio.

PRIMA DELLA CHIUSURA FORZATA, FACEVATE ATTIVITA’ SOCIAL?
L’attività digital è qualcosa che ci appartiene ormai da tempo, stimolata dalla necessità di aprirci sempre di più all’esterno, coinvolgendo pubblici nuovi e valorizzando il patrimonio che custodiamo. Come detto in precedenza, molte delle attività che stiamo svolgendo adesso erano già attive prima dell’emergenza!

PREVEDETE DI CONTINUARE A COMUNICARE SUI SOCIAL, ANCHE QUANDO IL MUSEO POTRA’ RIAPRIRE?
Sicuramente sì, abbiamo sempre creduto nei nuovi media ma ciò che è cambiato è il ruolo strategico che ha acquistato profondità e valore proprio per il momento contingente: continueremo a curare curare la comunicazione digitale perché gioca un ruolo fondamentale nel rendere il Patrimonio dei musei sempre più accessibile. Questa esperienza ci ha permesso di entrare ancora di più in contatto con il nostro pubblico online e di capire ancora di più i loro interessi e i format che potrebbero coinvolgerli di più, anche se dobbiamo tenere in considerazione il fatto che in questo momento l’approccio ai mezzi digitali è anomalo, rispetto alla normalità. La cosa fondamentale è, e sarà, mettersi in ascolto e vedere come cambierà la nostra vita dopo questa esperienza ma altresì considerare che ci sono due musei, uno reale e uno virtuale che con si sovrappongono mai ma creano una complementarietà di contenuti che allarga ulteriormente il pubblico.

E INFINE, UNA CURIOSITA’: CONOSCETE GLI ART BLOGGER?
Il modo di comunicare è sempre in continuo divenire, soprattutto anche in seguito alla diffusione della comunicazione digitale. La comunicazione attraverso i blog di arte o di archeologia, pensiamo che permetta di accorciare le distanze tra il pubblico e l’autore, favorendo così anche l’interazione, tuttavia, anche in questo campo, occorre essere professionali e curare molto i contenuti e la forma con cui si pubblicano.

4 risposte a "#CultureForDigital – Museo Egizio di Torino"

Add yours

Condividi con noi quello che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: