#CultureForDigital – MANN Napoli

Il MANN (Museo Archeologico Nazionale di Napoli) è uno dei musei più antichi e importanti del mondo per la ricchezza e l’unicità del suo patrimonio. L’origine della collezione può essere ricondotta a Carlo III di Borbone, che dal 1734 fu re del Regno di Napoli e che promosse un’importante politica culturale: dall’esplorazione delle città vesuviane alla realizzazione di un Museo Farnesiano (dove spostò parte delle opere ereditate dalla madre Elisabetta Farnese). Un museo dalla storia secolare che ospita opere millenarie, ma che ha saputo rinnovarsi e adattarsi ai nuovi canali di comunicazione.

QUALI SONO LE INIZIATIVE INTRAPRESE IN QUESTO PERIODO?
Abbiamo deciso di ricreare anche online l’atmosfera della vita quotidiana del museo, a partire dagli orari, con il post d’apertura delle ore 9 e quello di chiusura delle 19.30. Le iniziative attive sono davvero tante:
1) Sulla pagina Facebook del Museo sono andati per la prima volta online i cortometraggi del ciclo “Antico Presente” di Lucio Fiorentino, regista che attraverso lingue diverse lega cinque emozioni (desiderio, perdita, ispirazione, paura e scoperta) ai capolavori dell’Istituto; 
2) Sempre su Facebook sono stati riproposti i mini-documentari della serie MANNstories , nati da un’idea di Mauro Fermariello, e lo spot MANN international, prodotti nell’ambito del progetto Obvia-Out of boundaries viral art dissemination. Lo spot in poche ore ha superato le 11 mila visualizzazioni regalando un tour virtuale intenso e suggestivo, accompagnato dalla musica originale donata da Michael Nyman, uno dei massimi compositori viventi;
3)  Abbiamo riproposto su Facebook la piattaforma Google Arts & Culture, raggiungibile da social con rimando alla sito ufficiale del Museo: grazie alla piattaforma, è possibile “passeggiare” tra gli oltre 750 reperti custoditi nelle splendide sale, tra esposizioni e percorsi tematici;

4) Spazio virtuale anche per le mostre temporanee: online un video di approfondimento sull’esposizione “Lascaux 3.0”, che ricostruisce, per la prima volta in Italia, il complesso francese della Grotta di Lascaux, e alcune anticipazioni dei reperti che saranno visibili nei grandi appuntamenti già programmati “Gli Etruschi e il MANN” e “I Gladiatori;
5) Per i più piccoli, sono riproposti video quotidiani allestiti dai Servizi Educativi del Museo e sono presentati stralci delle pubblicazioni destinate ai bimbi (fumetti del progetto Obvia, comeNico alla soperta del MANN firmato dal noto disegnatore Blasco Pisapia);
6) In maniera quanto mai significativa, il MANN sta riproponendo su Facebook i fotomontaggi di Dario Assisi e Riccardo Maria Cipolla che, nella recente mostra “Fuga dal Museo”, hanno immaginato di far scappare i capolavori dell’Archeologico negli angoli più caratteristici di Napoli. Simbolicamente, le nostre opere anche adesso raggiungono i visitatori.

QUAL E’ LA RISPOSTA DEL PUBBLICO?

I fan sulle piattaforme social del Museo Archeologico Nazionale di Napoli apprezzano molto le operazioni culturali e virtuali che stiamo mettendo in campo. In un momento in cui la fruizione dell’arte è limitata ad una dimensione solo tecnologica, si avverte la mancanza della visione diretta dei capolavori e degli ambienti museali. Gli utenti ci scrivono spesso che il virtuale è un’ancora di salvezza in questa emergenza e condividono con noi ricordi, riflessioni, sogni. Durante la campagna ministeriale #artyouready di domenica 29 marzo, sono state postate oltre 150 immagini dei visitatori: le abbiamo condivise su Facebook in due album. Uno degli hashtag di quella giornata era #emptymuseum: una ragazza ci ha scritto che non voleva condividere scatti di spazi vuoti, ma brulicanti di vita. E’ stato un bel messaggio.

QUALI CANALI STATE UTILIZZANDO E DOVE RICEVETE MAGGIORE RISCONTRO?
Differenziamo i canali per differenziare i messaggi: Instagram concentra la sfera di senso sull’immagine, Facebook sul racconto, Twitter sulla brevità del messaggio. La concentrazione sui social ci ha permesso anche di valorizzare i contenuti video che avevamo presenti sul nostro canale YouTube. Considerata la diversità dei media, non è possibile fare una graduatoria sul gradiente di soddisfazione degli utenti: va detto, in ogni caso, che il riscontro su Instagram e su Facebook è ottimo.

PRIMA DELLA CHIUSURA, FACEVATE ATTIVITÀ DIGITALI?
Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli è sempre stato molto attivo sui canali social: l’emergenza sanitaria è stata soltanto un’occasione per confermare una nostra vocazione identitaria. Da anni, presentiamo mostre ed eventi sulle piattaforme digitali, raccontando anche le attività di back office: ci piace che il nostro pubblico conosca anche chi è dietro le quinte, negli uffici e nei laboratori di restauro, perché una grande esposizione, ad esempio, si costruisce con il gioco di squadra. E’ giusto mostrare tutto questo.

PREVEDETE DI CONTINUARE L’ATTIVITÀ’ SOCIAL ANCHE UNA VOLTA CHE L’EMERGENZA SARA’ FINITA?
Certo, continueremo come abbiamo sempre fatto, con tenacia e creatività. Gli utenti ci chiedono condivisione, interazione, immediatezza comunicativa.

AVETE MAI SENTITO PARLARE DEGLI ART BLOGGER?
Tutti i canali per parlare di arte sono importanti, perché è vitale, per la cultura stessa, far circolare un messaggio che abbia un valore didattico, civile e sociale. La comunicazione museale deve impegnarsi nell’intercettare tutti i possibili influencer: tra questi, naturalmente, anche gli art blogger. Non si tratta di rendere meno serio un contenuto, al contrario: evitare la seriosità, per dare spazio alla curiosità e, perché no, all’approfondimento.

2 risposte a "#CultureForDigital – MANN Napoli"

Add yours

Condividi con noi quello che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: