L’Abbazia di San Fruttuoso

Dopo aver parcheggiato a Recco, famoso per la focaccia ripiena di formaggio, ci siamo dirette all’imbarcadero che fa diverse tappe lungo la costa, tra cui Camogli. Vedere i Paesini dalla barca è molto suggestivo ma la vista in lontananza dell’Abbazia è davvero unica. Essa si trova nella piccola baia di S.Fruttuoso di Capodimonte, tra Camogli e Portofino, ed è raggiungibile solo via mare o con una passeggiata a piedi di circa 2 ore.

L’abbazia è di proprietà del FAI (Fondo Ambiente Italiano) dal 1983, quando i Principi Doria Pamphilj decidono di donare alla Fondazione il complesso abbaziale romanico, la torre dei Doria e alcune abitazioni di pescatori, oltre che 33 ettari di terreno.

Abbazia di San Fruttuoso @Liguria _ www.culturefor.com-9

Una donazione cospicua fatta con l’intento di veder rinascere un luogo ricco di storia e unico per il suo fascino. Infatti, Il FAI, grazie ai contributi di istituzioni, enti pubblici e privati, aziende e cittadini, ha immediatamente fatto partire il progetto di restauro e di valorizzazione del sito.

L’abbazia negli anni è stata modificata, vi sono strutture sovrapposte dovute all’evoluzione della storia. Si è cercato di non nascondere questa sua caratteristica e, anzi, con il progetto di restauro si è cercato di restituire l’ambiente originario, mantenendo le diverse strutture. Con l’eliminazione dell’intonaco e altre parti irrecuperabili si sono scoperte delle aree del tutto nascoste, tra cui una porta che conduceva ad un’area cimiteriale, una cripta, l’antica facciata sul mare…

Anno dopo anno sono stati effettuati grandi interventi che hanno ridato vita al recupero dell’assetto originario del Chiostro, dell’Abbazia, delle Tombe dei Doria e della Sala Capitolare, e di tutto il resto del complesso. Nel 2004 è stato redatto un vero progetto museale.

Vi vogliamo mostrare un video trovato in internet che fa vedere com’era l’Abbazia prima dei grossi interventi di restauro:

La storia dell’Abbazia fa riferimento anche ad una leggenda, si narra che il vescovo San Fruttuoso subì il martirio in Spagna e nel 259 d.C. le sue ceneri vennero portate da San Prospero, vescovo terragonese, vicino al promontorio di Portofino. La tradizione vuole che sia lo stesso Fruttuoso, apparendo in sogni ai discepoli, a indicare il luogo per deporre i suoi resti. Proprio qui, Prospero portò le ceneri e decise di costruire una Chiesa. Gran parte dell’ Abbazia è databile al X-XI secolo, epoca della ricostruzione voluta dall’imperatrice Adelaide di Borgogna, vedova di Ottone I. Dal XIII secolo le sorti di San Fruttuoso si intrecciarono con quelle della famiglia Doria, che commissionò il rifacimento dell’edificio. Per ringraziare la famiglia dei Doria per i grandi interventi, i monaci concessero una cripta come sepolcro per la famiglia. Nel 1467 morì l’ultimo abate e la comunità dei benedettini lasciò il monastero, dando il via ad un inesorabile declino.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una gita un po’ costosa ma una volta bisogna farla perché è davvero un luogo molto suggestivo che racchiude al suo interno vicende storiche davvero travagliate. E poi…che dire..l’affaccio sul mare è stupendo! Accompagnatelo con una bella giornata di sole e una bella mangiata al Ristorante Da Giovanni (dove abbiamo mangiato una lasagna al pesto e un fritto di pesce davvero ottimi!! quindi consigliatissimo), magari una tappa a Camogli mentre tornate e vi assicuriamo che trascorrerete una giornata molto piacevole.

COSTO TRAGHETTO A/R RECCO-SAN FRUTTUOSO: 14€ (in alternativa si può partire da Camogli, quindi il costo del biglietto sarà inferiore)

COSTO INGRESSO ABBAZIA:

Iscritti FAI : ingresso gratuito*
Adulti: €6,00
Bambini (4-14 anni): € 3,00
Studenti universitari fino ai 26 anni: € 3,00
Scolaresche: € 3,00 a studente
Iscritti FAI, soci National Trust, portatori di handicap con un accompagnatore: ingresso gratuito

ORARI:

Tutti i giorni
Dalle 10 alle 15.45 Marzo e ottobre
Dalle 10 alle 16.45 aprile, maggio e seconda metà di settembre
Dalle 10 alle 17.45 da giugno a metà settembre
Chiuso il 25 dicembre

PARTENZA DA RECCO: (i traghetti partono all’estremità del molo, dove c’è una torretta)

5 thoughts on “L’Abbazia di San Fruttuoso

Add yours

  1. È un luogo che mi piacerebbe molto visitare, come confermate col vostro post, immagino che il fascino sia indescrivibile. Certo vedere come appariva prima dei restauri inquieta un po’, vedere quei panni stesi e la facciata completamente occlusa… Però il fascino gotico rivitalizzato è splendido!

    Mi piace

    1. Fa davvero impressione vedere il prima e il dopo.. all’interno del percorso espositivo c’è una saletta con un video più completo che mostra tutti i grandi lavori di restauro che sono stati effettuati…quello è ancora più d’effetto.
      E’ una gita da fare 😀 il fascino è unico!

      Mi piace

Condividi con noi quello che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: