Renoir alla GAM di Torino

Ah…il fascino francese!

Che sia per il vino, per il cibo o per l’accento…ognuno di noi ha amato e ama qualcosa che ha a che fare con la Francia. Nel nostro caso amiamo l’arte francese e, ovviamente, come non pensare al movimento Impressionista?

La GAM di Torino ritorna a questo periodo artistico e si sofferma sulla figura di Renoir. Non è detto che non riusciremo ad andare a Torino, ma riuscire a visitare tutto quello che abbiamo in lista solo nel weekend sta diventando sempre più difficile. Al momento quindi, la mostra “Renoir. Dalle Collezioni del Musée d’Orsay e dell’Orangerie” fa parte dei Vorrei ma…non posso.

23 OTTOBRE – 23 FEBBRAIO

Di seguito, il comunicato stampa della mostra:

Una splendida mostra dedicata al grande artista francese, con i capolavori dalle Collezioni del Musée d’Orsay e del Musée de l’Orangerie di Parigi.

       19. RENOIR Grande nudo

Prosegue la collaborazione fortemente voluta dal Sindaco, Piero Fassino, tra Città di Torino, Musée d’Orsay e Skira editore, che ha avuto inizio nel 2012 con la grande mostra dedicata a Degas. Quest’anno la GAM presenta infatti una nuova straordinaria rassegna dedicata a Pierre-Auguste Renoir (1841-1919), artista tra i protagonisti, con Manet, Monet, Degas, Pissarro, Sisley, Cézanne, tra gli anni Ottanta dell’Ottocento e il primo ventennio del Novecento, della grande stagione dell’Impressionismo francese.

DEP-F-000744-0000

Un importante accordo siglato tra la GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino – Fondazione Torino Musei, Skira editore e il Musée d’Orsay di Parigi – con Danilo Eccher, Direttore della GAM, Massimo Vitta Zelman, Presidente di Skira, e Guy Cogeval, Presidente del Musée d’Orsay e dell’Orangerie – ha permesso di definire un progetto scientifico di grande valenza, che porta nel capoluogo piemontese una splendida mostra, davvero unica per la qualità delle opere presentate.

1. RENOIR Claude Monet

Il Musée d’Orsay e il Musée de l’Orangerie, che conservano la collezione più completa al mondo dell’opera di Renoir, hanno accettato di privarsi per quattro mesi di una sessantina di capolavori, per dare vita a una straordinaria rassegna che documenta tutta l’attività di questo grandissimo pittore, testimoniando i momenti più significativi e le svolte che, partendo dagli esordi, hanno portato l’artista a fine carriera a un progressivo allontanamento dall’Impressionismo. La curatela della mostra è affidata a Sylvie Patry, Conservatore Capo presso il Musée d’Orsay e grande specialista di Renoir, e a Riccardo Passoni, Vice Direttore della GAM di Torino. 

[…] 

Con questa esposizione si vuole percorrere la complessa evoluzione del percorso artistico di Renoir – attivo per oltre un cinquantennio tanto da produrre oltre cinquemila dipinti e un numero elevatissimo di disegni e acquerelli –, evidenziando la grande varietà e qualità della sua tecnica pittorica e i diversi temi affrontati. 

13. RENOIR Danza in città

Nell’arco della sua vita, Renoir si misura infatti con la sperimentazione della pittura en plein air, fianco a fianco con l’amico e collega Monet, portando al tempo stesso a compimento opere in atelier. Dedicandosi anche alla ritrattistica su commissione, è attorniato da una stretta cerchia di ammiratori e mecenati. A testimonianza del successo già raggiunto in vita, basti pensare al fatto che per il suo quadro Madame Charpentier con i figli (acquistato dal Metropolitan Museum of Art di New York nel 1907) venne pagato il prezzo più alto raggiunto in quegli anni da un dipinto. È amico personale degli impressionisti – come Monet, Cézanne, Pissarro, Berthe Morisot, Sisley e Caillebotte, con cui discute di pittura e organizza mostre – e incoraggia altri grandi artisti come Matisse, Bonnard, Maurice Denis. Tuttavia, la fama e il riconoscimento da parte dei suoi contemporanei gli arrivano solo all’inizio del Novecento. Oggi è considerato uno dei maggiori maestri a cavallo tra il XIX e il XX secolo.

DEP-F-002347-0000

La mostra torinese si articola in nove sezioni:

 1 – L’epoca della bohème. Ritratti reciproci a Parigi negli anni ottanta dell’Ottocento

2 – “Noi adoriamo le donne di Renoir” (Proust)

3 – “il mestiere di paesaggista” (Renoir)

4 – Infanzia

5 – La “fortunata ricerca della dimensione moderna” (Zola)

6 – A proposito delle Ragazze al piano

7 – “Bello come un dipinto di fiori” (Renoir) 

8 – “Il nudo, una delle forme indispensabili dell’arte” (Renoir)

9 – Il testamento delle Bagnanti

[…]

Rappresentare la bellezza, sorprendere con luce e colore, ritrarre la vita della propria epoca con un delicato realismo, sono elementi chiave della filosofia pittorica di Renoir, che ne fanno ancora oggi uno dei pittori più amati dal pubblico. La mostra di Torino vuole essere un omaggio alla sua arte e un’occasione irripetibile per ripercorrerne la vicenda artistica e umana, e permette di ammirare opere straordinarie, la maggior parte delle quali mai esposte in Italia.

 

ORARIO

da martedì a domenica 10.00 – 19.30, il giovedì fino alle 22.30

FINO AL 23 FEBBRAIO 2014

PREZZO: Intero 12 €, Ridotto 9 €

PER INFORMAZIONI: Sito della mostra …e per avere aggiornamenti in diretta, visitate anche la pagina Facebook

COME RAGGIUNGERLA:

6 risposte a "Renoir alla GAM di Torino"

Add yours

Condividi con noi quello che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: