La Casa di Ludovico Ariosto @Ferrara

Durante la nostra giornata a Ferrara (di cui vi abbiamo già parlato QUI) abbiamo camminato su e giù per il centro storico della città. Abbiamo visto il duomo, purtroppo chiuso e circondato da impalcature per alcuni lavori, e il palazzo dei diamanti, sede di mostre. Ci siamo persi per il dedalo di viette e portici per poi ritrovarci a lato del castello estense.

Casa di Ludovico Ariosto @Ferrara _www.culturefor.com Casa di Ludovico Ariosto @Ferrara _www.culturefor.com

Consultando la guida più veloce che avevamo a portata di mano (grazie Wikipedia!) abbiamo scoperto che un po’ fuori dal centro sorgeva la casa in cui Ludovico Ariosto ha trascorso i suoi ultimi anni di vita. Purtroppo non ci hanno permesso di fotografare, ma vogliamo parlarne comunque. Ora capirete perché.

Gestita dai volontari dell’associazione Auser, questa casa è stata riaperta solo da qualche anno e ospita conferenze, incontri e anche mostre d’arte. Noi abbiamo potuto godere delle suggestive immagini in bianco e nero del giovane fotografo Matteo Sauli accompagnate da alcune frasi (a volte un po’ criptiche) scritte da Vittorio Ferorelli, grazie alle quali siamo riuscite ad andare oltre a quello che i nostri vedevano.

Matteo sauli

La mostra si chiama “Al bordo della strada” e Alvaro Mutis sembra suggerire un’interpretazione dicendo “Un dio dimenticato guarda crescere l’erba“, precisamente quella della Via Emilia.

Matteo Sauli

Matteo Sauli

Dopo una breve visita al giardino della casa, siamo salite al primo piano dove sono raccolti alcuni cimeli: sedie cinquecentesche, libri con le firme di ospiti, anche illustri come Verdi e Saba, che sono venuti a rendere omaggio all’autore del L’Orlando furioso. La volontaria che abbiamo incontrato era una simpatica signora prontissima a spiegare la storia e raccontare segreti e curiosità che circondano la figura dello scrittore. Un matrimonio celebrato in segreto con Alessandra Becci, vedova di Strozzi. Il contratto con la curia fatto con papa Innocenzo per mantenere la famiglia (era il primo di dieci fratelli). Una sua falange recuperata da un generale francese, suo grandissimo ammiratore.

Le stanze sono piccole, ma molto curate. La Sala nobile, oggi adibita a sala conferenze, una stanza sulla destra e una sulla sinistra con un piccolo camino, dove si dice che sia morto nel 1533 lo scrittore.

I gentilissimi e disponibilissimi volontari hanno reso ancora più piacevole questa breve visita che noi vi consigliamo caldamente. Un pochino fuori dai percorsi turistici ma molto interessante. Chiedete spiegazioni ai volontari presenti: saranno felici di condividere le loro conoscenze e la loro passione con voi. Noi vorremmo ringraziarli, soprattutto in seguito alla FAIMarathon che ha attirato l’attenzione su questo argomento: grazie anche a loro, molti luoghi della cultura possono continuare a vivere.

(Fotografie della mostra gentilmente concesse dal fotografo Matteo Sauli)

ORARIO

feriali 10.00 – 13.00 | 15.00 – 18.00; domenica 10.00 – 13.00
Chiuso lunedì e festivi infrasettimanali

INGRESSO GRATUITO

COME RAGGIUNGERLA:

Condividi con noi quello che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: