Kengo Kuma e la Casa del The

Come già avrete notato quando parlavamo della nostra visita a Venezia, ci piace girare a caso, senza meta, senza Google Maps (questa in realtà è una mezza verità…). E così, sotto il sole cocente di un tardo pomeriggio siculo, la nostra strada ha incrociato la sede della Provincia regionale di Siracusa dove, al suo interno, spiccava una strana struttura. Avvicinandoci e leggendo la breve didascalia abbiamo scoperto di poter toccare con mano una delle creazioni dell’architetto giapponese Kengo Kuma. Si tratta, infatti, del “Padiglione Oribe” o “Casa del The”, una struttura di pannelli di policarbonato alveolare, esposta lì dal 2008.

Kengo Kuma_www.culturefor.com

È uno spazio vuoto dove Kuma vorrebbe che ci fosse una “pura contemplazione”, suggerita anche dall’uso di questo particolare materiale (la materia, per l’architetto, è l’elemento fondamentale per i suoi lavori).

Kengo Kuma_www.culturefor.com

Questo padiglione è stato realizzato in collaborazione con la Facoltà di Architettura di Siracusa (che si trova poco distante) e quella di Ascoli Piceno; durante la realizzazione ci sono stati diversi cambiamenti che l’hanno discostato dal progetto originale ma il progetto finale è stato apprezzato da tutti.

Si tratta di 93 “costole” di policarbonato alveolare spesse 6 millimetri. Il padiglione è lungo 6,40 metri. Le lastre di policarbonato sono disposte in verticale sia per far entrare la luce naturale all’interno sia per dare una maggior rigidezza alla struttura. Anche il pavimento, sopraelevato (inizialmente retroilluminato), è fatto di policarbonato oltre che di  alluminio e vetro mattone.

Kengo Kuma_www.culturefor.com

È una struttura particolare, che da un senso di antico e di futuro allo stesso tempo. La luce che filtra è strana e sembra quasi irreale nonostante provenga dal sole. È sempre una piacevole sorpresa visitare città famose per la loro storia passata e imbattersi nell’arte contemporanea: è un connubio interessante che dovrebbe vivere in ognuna delle nostre città

10 risposte a "Kengo Kuma e la Casa del The"

Add yours

  1. Questa opera mi piace veramente tantissimo!!!mi piace l’idea dei materiali, mi piace come gioca con la luce…mi sfugge solo la funzionalità, purtroppo. Voi sapete lo scopo?

    Mi piace

    1. non ha una funzione “vera e propria”, se non quella appunto di far entrare i uno stato di contemplazione chiunque ci entri…anche se il suo secondo nome “Sala del The” dà un altro ottimo spunto sul suo utilizzo 🙂

      Mi piace

  2. fa parte quindi giustamente della corrente orientale relativa alla meditazione e al raccoglimento con se stessi nel tentativo di instaurare il rapporto con qualcosa di più grande che in questo caso è rappresentato dalla luce 🙂 (ok ho inventato eheheh!)

    Mi piace

    1. beh, anche se inventata evidentemente il nostro articolo ti ha ispirata 🙂 la tua spiegazione ha comuque una logica, e nell’arte contemporanea ognuo trova la sua personale, anzi personalissima interpretazione!!

      Mi piace

Condividi con noi quello che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: