Missing Masterpieces: i capolavori perduti in mostra (virtuale)

Pronti a visitare la mostra dedicata a 12 capolavori perduti di artisti del calibro di Van Gogh e Monet? Sembra un controsenso ma in realtà, grazie alla tecnologia, è possibile! Samsung ha inaugurato la mostra virtuale Missing Masterpieces: per visitarla è sufficiente collegarsi al sito web dell’azienda oppure accendere la proprio TV The Frame che, con la modalità Art Mode, permette di visualizzare le opere d’arte anche a televisore spento.

Un’iniziativa di marketing che trovo molto interessante perchè unisce sapientemente la pubblicità del brand e dei suoi televisori ai temi legati al mondo della cultura, permettendo al pubblico di consocere capolavori che non sono visibili nei musei e stimolandoli nella ricerca di informazioni.

La mostra non è una semplice carrellata di immagini su uno schermo: è stato coinvolto un curatore Noah Charney, esperto di crimini d’arte, il quale ha selezionato le 12 opere protagoniste tra i migliaia di capolavori ricercati a livello internazionale. Ogni opere riporta una breve descrizione e il racconto di come e quando è stata rubata.

Un punto di partenza per Samsung che sfida gli utenti a ritrovare queste opere d’arte. In che modo? Invitando chiunque abbia un indizio o un’intuizione a segnalarlo all’indirizzo missingmasterpieces@artcrimeresearch.org

Seguite l’hashtag #MissingMasterpieces per rimanere sempre aggiornati

Una risposta a "Missing Masterpieces: i capolavori perduti in mostra (virtuale)"

Add yours

Condividi con noi quello che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: