#CultureForBooks – Le sette dinastie

A due anni di distanza dalla lettura della tetralogia dedicata ai Medici, di cui vi ho parlato QUI, mi sono affidata nuovamente alla penna di Matteo Strukul. Questa volta l’autore mi ha accompagnata in un viaggio nell’Italia del XV secolo dilaniata dalle lotte per il potere: il titolo è Le Sette Dinastie, in onore delle potenti famiglie Borgia, Colonna, Visconti, Condulmer, Medici, Esternsi e Aragonesi.

PUOI ACQUISTARLO QUI

Il libro si apre a Milano con un iroso e sempre più solo Filippo Maria Visconti il quale, in mancanza di un erede maschio, decide di dare in sposa la figlia Bianca Maria al capitano Francesco Sforza. Nel frattempo, il Duca di Milano, continua la sua politica all’insegna del doppio gioco sognando di poter distruggere Venezia, sua nemica giurata. Per fare questo tenta la via della corruzione di uno dei migliori capitani della Repubblica (e suo ex capitano): il conte di Carmagnola.

Il complotto viene smascherato e i veneziani riguadagnano potere imponendo un loro concittadino sul soglio di San Pietro con il nome di Eugenio IV. Una decisione non apprezzata da tutti, soprattutto dai Colonna che vorrebbero far eleggere come pontefice un membro della loro famiglia. Queste mire trovano sostegno nel Visconti che però, anche questa volta, non riesce a spuntarla. Il pontefice infatti riesce a sopravvivere agli attentati alla sua vita grazie all’aiuto di Cosimo Medici, che lo ospiterà a Firenze durante il suo esilio. Nel frattempo, nel Sud Italia le tensioni tra Angioini e Aragonesi si fanno sempre più aspre contribuendo a un clima di estrema incertezza lungo tutta la penisola.

Il libro è un mix di realtà e fantasia dove la storia non si piega alle esigenze narrative ma è sapientemente arricchita dalla componente psicologica e caratteriale di ogni personaggio, da discorsi e anedotti. Ancora una volta Strukul ha scritto delle pagine da cui è veramente difficile riuscire a staccarsi.

Condividi con noi quello che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: