Bansky in un museo? Sì, al Mudec di Milano!

Appassionati o curiosi, estimatori o detrattori, adulti e bambini: è questo il pubblico che si aggira tra le sale del Mudec dove – fino 14 aprile 2019il protagonista è l’arte di Bansky.

Per chi ancora non lo conoscesse, Bansky è il nome d’arte di uno dei maggiori esponenti della street art contemporanea e la cui identità è ancora avvolta dal mistero. Si tratta di una mostra non autorizzata dall’artista che vuole mantere la propria indipendenza dal sistema ma che, così facendo, sembra proprio che stia facendo il suo gioco.

A Visual Protest. The Art of Bansky raccoglie 80 lavori tra dipinti, stampe numerate, oggetti, video, fotografie, vinili e memorabilia con un unico obiettivo: raccontare la protesta dell’artista nei confronti della società, dalle guerre al consumismo. La mostra inizia con un breve excursus dedicato ai quei “movimenti” che, a partire dagli anni ’50 e ’60, hanno dato il via alla protesta attraverso l’utilizzo di parole e immagini.

A seguire, una carrellata dei suoi lavori più iconici e che ormai sono entrati a far parte dell’immaginario collettivo. Dalle opere di protesta contro l’establishment inglese, dove la Regina Elisabetta viene rappresentata come una scimmia, poi con una maschera antigas…alle opere di sensibilizzazione contro la guerra, tra cuiil gruppo di signore che gioca a boccia con delle bombe.

Ho trovato interessante il suo filone di opere con protagonisti i topi: proprio come gli street artist, si muovono furtivamente nella notte, nelle aree più dismesse delle grandi città, pronti a scappare non appena qualcuno sopraggiunge ma allo stesso tempo decisi a portare a termine il loro “compito”.

Sono molte le persone che non giudicano arte queste espressioni, mentre io ritengo che Bansky sia il massimo interprete del linguaggio contemporaneo e che – fra qualche anno – sarà incluso anche lui nei libri di storia dell’arte.

La mostra è davvero ben fatta e offre una panoramica completa sulla figura di questo controverso personaggio che riesce a richiamare l’attenzione anche solo con una bomboletta spray. Vi consiglio di non perdere questa occasione e di visitarla con mente aperta, non solo per scattare qualche foto per i vostri social ma per capire meglio il ruolo e le modalità della comunicazione di oggi.

FINO AL 14 APRILE 2019

ORARIO
Lunedì dalle 14.30 alle 19.30
Martedì, mercoledì e venerdì dalle 9.30 alle 19.30
Giovedì, sabato e domenica dalle 9.30 alle 22.30

INGRESSO
Intero: 14 euro
Ridotto: 12 euro
NB. il martedì gli universitari pagano solo 8 euro!

SITO UFFICIALE

COME RAGGIUNGERLA: Mudec – Via Tortona 56, Milano


Condividi con noi quello che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: