La Monaca di Monza @Serrone della Villa Reale

Come avrete notato dagli ultimi articoli, ho finalmente ripreso a girare per mostre: mi mancava entrare nei luoghi della cultura, scoprire cose nuove, imparare e…condividere tutto con voi! Ho approfittato di una bella domenica autunnale per andare al Parco di Monza e, dopo una passeggiata, ho visitato la mostra “La Monaca di Monza”, dedicata ad uno dei personaggi più famosi e controversi della città.

01_71

Francesco Hayez, La monaca, olio su tela, 54 x 40,5 cm, Milano, collezione privata

Tutti la conosciamo per il suo ruolo nel romanzo manzoniano de I Promessi Sposi, ma chi di voi conosce davvero la sua storia?

giambattistagalizzi

Da Giambattista Galizzi,…..La faceva venire spesso in suo parlatorio privato…,1943, fotoincisione, 140 x 90 mm, Milano, Civica Raccolta delle Stampe Achille Bertarelli – Castello Sforzesco

Questa mostra, attraverso 33 opere si pone come obiettivo quello di diffondere la storia della famosa monaca ma anche di indagare sulla condizione femminile nei primi decenni dell’età moderna.

Iniziamo dal vero nome de la Monaca di Monza, Marianna De Leyva che nacque a Palazzo Marino a Milano nel 1575. Venne costretta a farsi monaca dalla famiglia, prese il nome di Suor Maria Virginia ed entrò nel convento di Santa Margherita a Monza dove, dopo esser stata nominata dal padre contessa di Monza, veniva chiamata “Signora”.

07_25

Francesco Gonin, Geltrude pronta a entrare in monastero, olio su tela, 1837, 48×62 cm, Milano, Accademia di Brera

La sua posizione di prestigio le permetteva di essere trattata con profondo rispetto, aveva un piccolo appartamento solo per lei ed era assistita da altre monache. Nonostante ciò, i contatti con il mondo esterni avrebbero dovuto essere praticamente nulli e invece incontra Gian Paolo Osio che, con la complicità di Suor Ottavia e Suor Benedetta Homati, inizierà prima a scambiarsi delle lettere e poi a fare visita a Suor Maria Virginia. Osio violentò la Monaca che rimase incinta due volte: la prima abortì naturalmente, la seconda nacque Alma Francesca Margherita, affidata alla nonna paterna. Osio, già condannato per omicidio in precedenza, uccise altre tre persone per cercare di nascondere questa relazione ma venne scoperto ugualmente, condannato a morte e assassinato il giorno prima della condanna.

05_86Luigi Conconi, Pentita, 1886 ca., acquaforte, Milano, Civica Raccolta delle Stampe Achille Bertarelli – Castello Sforzesco

In seguito a questi avvenimenti, l’Arcivescovo Federico Borromeo venne messo al corrente della vicenda e diede il via al processo ecclesiastico, al termine del quale Suor Maria Virginia venne condannata a essere murata viva. Trascorse ventuno anni in una stanza di 1,50 x 2,50 metri nel Ritiro di Santa Valeria, ove rimase anche dopo esser stata liberata.

02_78

Leonardo Bazzaro , Vestizione di una monaca, olio su tela, 96 x 145 cm, Milano, Galleria d’Arte Moderna

In mostra, nella rotonda dell’Appiani, troverete anche degli interessanti video nei quali alcuni attori che interpretano i vari personaggi coinvolti nel processo danno voce ad alcuni stralci degli interrogatori. Ecco alcuni estratti:

 “Ritrovandomi a caso nella camera di sor Candida Brancolina vicino alla mia quale aveva una finestra che rispondeva in detto giardino vedendomi lui a quella finestra mi salutò, et dopoi essendo io andata un’altra volta a quella finestra, tornò a salutarmi et mi accennò di volermi mandare una lettera”

“Io che ero in collera con lui per l’homicidio sudetto e vedendolo così avanti agli occhi e parendomi che strapazzasse la giustizia ne feci avvisato al signor Carlo Pirovano, più volte, a finché lo mandasse a pigliare e metterlo pregione.”

08_36

Luigi Conconi, Momento triste, ora allegra, tempera su carta, 33 x 36 cm, Casa museo Pisani Dossi

Le opere esposte affrontano il tema dell’ingresso forzato in convento per le figlie femmine non destinate al matrimonio: si tratta di un espediente prettamente economico, che però ha distrutto la vita di tante giovani.

Una curiosità: molti, erroneamente, identificano il convento delle monache del romanzo manzoniano con lo storico collegio delle suore preziosine in via Lecco, dove ho studiato durante il periodo delle scuole elementari e medie.

La mostra è piccola ma ben curata e ricca di informazioni. Tratta un tema interessante non solo per i monzesi, ma per tutti coloro che hanno il piacere di scoprire la verità storica dietro ad uno dei personaggi più famosi della letteratura italiana. Il mio consiglio è quella di non perderla assolutamente!

FINO AL 19 FEBBRAIO 2017

ORARIO
Lunedì chiuso
Da martedì a venerdì dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00
Sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 19.30

INGRESSO
Intero: 10 euro
Ridotto: 8 euro

SITO UFFICIALE

COME RAGGIUNGERLA

Condividi con noi quello che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: