Ayutthaya: l’antica capitale thailandese

A soli 80km da Bangkok, si estende la provincia di Ayutthaya che, per oltre 4 secoli, è stata la capitale del Siam. In questa area ci sono due “attrazioni” principali: il Palazzo Reale di Bang Pa e le suggestive rovine della città.

DSC_5309

Il Palazzo Reale (conosciuto anche come Palazzo d’Estate) sorge sulle rive del fiume Chao Praya e la sua costruzione risale agli Anni Trenta del XVII secolo. Si tratta di un complesso molto ampio, circondato da giardini in stile europeo intervallati da costruzioni la cui architettura si ispira a diversi stili orientali dal thai al cinese ai palazzi di epoca vittoriana. Nella maggior parte delle strutture, purtroppo, non è possibile entrare ma con l’aiuto di una buona guida, la visita si è comunque rivelata interessante grazie al racconto della storia, delle leggende e di aneddoti legati al luogo e alla famiglia reale.

Salendo in cima all’osservatorio Ho Withun Thasana è invece possibile far scorrere lo sguardo sul panorama circostante, rendendosi conto dell’imponenza del complesso e del mix di colori e stili che caratterizzano il Palazzo d’Estate. Qui re Mongkut passava le sue serate ammirando e studiando le stelle.

DSC_5285

A pochi minuti di pullman dal Palazzo d’Estate, ecco le prime rovine della capitale fondata nel 1350 da re U-Thong al quale sono succeduti 33 re finchè, nel 1767, i birmani saccheggerano la città, distruggendola e costringendo gli abitanti ad abbandonarla. I turisti che oggi visitano il sito archeologico Phra Nakhon Si Ayutthaya, patrimonio UNESCO dal 1991, possono solo immaginare l’antica magnificenza della città.

DSC_5321

Avendo a disposizione solo una giornata, la visita si è concentrata sui “pezzi forti” che Ayutthaya ha da offrire, tra cui il Wat Maha That e il Wat Phra Si Sanphet. Il primo è diventato famoso tra le migliaia di turisti grazie alla testa di Buddha incastata tra le radici di un albero, molto suggestiva, e a una delle poche statue di Budhha rimaste intatte (ovvero, non decapitate) a seguito dell’invasione degli Khmer.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il secondo è anch’esso molto conosciuto per i suggestivi tre stupa (restaurati nel 1956) a forma di campana che svettano al centro del complesso. Questo era il tempio della famiglia reale che lo usava per le sue cerimonie, perciò non vi viveva alcun monaco.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Condividi con noi quello che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: