#CultureForBooks – Il Conte di Montecristo

Ormai lo sapete, ho sempre amato leggere ma anche io, ai tempi del liceo, non amavo cimentarmi nei cosiddetti “grandi classici”. Oggi invece, con una maturità diversa e grazie all’abbonamento di Amazon Prime che permette di scaricarli gratuitamente sul proprio Kindle, lo sto riscoprendo e apprezzando moltissimo.

Puoi acquistarlo QUI

In poco più di una settimana ho letteralmente divorato Il Conte di Montecristo, romanzo di Alexandre Dumas di metà Ottocento che affronta i temi della vendetta, della giustizia e del perdono. La storia è nota a tutti, anche grazie ai diversi adattamenti cinematografici e televisivi tra cui quello del 1998 che vede tra gli interpreti Gérard Depardieu e Ornella Muti.

Edmond Dantès è il protagonista: un giovane marinaio innamorato di Mercédès e che sta per essere promosso al ruolo di capitano. Lo scrivano della nave, Danglars, invidioso del successo del ragazzo, gli tende una trappola insieme a Mondego (innamorato di Mercédès) e a Caderousse (invidioso vicino di casa del marinaio). Dantés viene ingiustamente accusato di essere un bonapartista e viene imprigionato al Castello d’If. Qui stringe un rapporto di amicizia con un altro prigioniero, l’abate Faria che istruisce Dantés e, in procinto di morire, gli rivela l’esistenza di un tesoro nascosto nell’isola di Montecristo. Dopo varie vicissitudini e 14 anni di prigionia, Dantés riesce ad evadere, si reca a Montecristo dove si impossessa del tesoro e torna a Marsiglia, sua città natale, per mettere in atto il suo piano di vendetta…

Una delle spiagge dell’Isola di Montecristo, situata nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano

Nonostante la prosa Ottocentesca non sia sempre di facile lettura, il romanzo è davvero appassionante e il lettore non può fare a meno di continuare a sfogliare le pagine, per scoprire quale sarà la prossima mossa dei protagonisti della storia. Si tratta di un libro che vorresti non finisse mai, che continuasse a tenerti compagnia e che vorresti rileggere non appena si arriva all’ultima pagina.

Condividi con noi quello che pensi...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Fornito da WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: